domenica 25 giugno 2017

27 giugno - Associazione Archeosofica - CONCERTO di CHITARRE CLASSICA ed EPTACORDE RUSSA del Maestro ALEXANDER MIRONOV

CONCERTO di CHITARRE
CLASSICA ed EPTACORDE RUSSA del Maestro ALEXANDER MIRONOV.

MARTEDÌ 27 Giugno ALLE ORE 21,30 a Firenze presso la Sala della sezione di
Firenze dell’Associazione Archeosofica, in Lungarno Guicciardini 11/rosso.

In programma musiche di Bach, Tàrrega, Albeniz, Piazzolla, Diens, Mironov.

L’INGRESSO È LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI (NON SI PRENDONO PRENOTAZIONI)

OFFERTA LIBERA

Per la locandina dell’evento con il programma:
https://archeosofiafirenze.org/2017/06/19/27-giugno-2017-concerto-di-chitarr
e-di-alexander-mironov/#more-6337

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/rosso
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net
http://archeosofiafirenze.org

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

Via dell'Agnolo: l'ex casa del fascio Foto di Francesco Baciocchi

L'ex casa del Fascio di Firenze, oggi sede dell'Ufficio tecnico erariale, si trova in via dell'Agnolo 80. L'edificio occupa un intero isolato delimitato ad ovest dalla via Verdi, a nord dalla via dell'Ulivo, ad est dalla via dei Pepi ed a sud dalla via dell'Agnolo. Il volume compatto emerge nel tessuto articolato e minuto del popolare quartiere di Santa Croce, differenziandosene fortemente e costituendo inevitabilmente, assieme alle Poste ed agli edifici adibiti ad attività direzionale e scolastica sulle vie Pietrapiana e dell'Agnolo, un elemento di estraneità.
Storia
L'edificio fu commissionato come sede del gruppo rionale "Dante Rossi" all'architetto Raffaello Fagnoni dalla federazione fascista dopo che questa aveva acquistato dal comune di Firenze, nel 1938, un lotto di proprietà del Comune nel quartiere di santa Croce, in corso di risanamento.
Il progetto, completamente definito nel dicembre dello stesso anno, si uniformava al Regolamento che accompagnava il piano di ricostruzione disposto dall'Ufficio Tecnico e prevedeva che: l'edificio fosse costituito di due corpi distinti, in modo da conservare la preesistente via Rosa; la maggior parte dell'area (1490 m2. su un totale di 2600) fosse destinata a giardino; i fronti si allineassero lungo strada seguendone l'andamento (da qui il fronte convesso su via dell'Agnolo); l'altezza non superasse i 14 metri. Il complesso presenta dunque un impianto ad "U" articolato in due diverse parti: la prima (asse via Verdi-via dell'Agnolo) ha tre piani fuori terra e facciate rigorosamente simmetriche scandite da un ritmo regolare di finestre riquadrate in pietra; in essa si trovano le sale e gli uffici: la seconda (asse via dei Pepi) si sviluppa su unico piano ed è caratterizzata da una teoria di porte sovrastate da luci quadrate sulla via dell'Agnolo, da finestre ed oblò sulla via dei Pepi; in essa erano previsti il cinema-teatro e la palestra.
La costruzione
I lavori del primo lotto (ali su via Verdi e via dell'Agnolo) furono appaltati nel gennaio del 1939; le demolizioni vennero avviate il 13 gennaio dello stesso anno ed i lavori ebbero inizio il 14 febbraio, appena terminata la tramvia nelle vie dell'Agnolo e Verdi. La costruzione procedette con estrema celerità, tanto che nel marzo erano già costruiti gli scantinati, nel maggio si innalzarono le strutture del piano terra e nell'agosto si iniziò la copertura. L'edificio venne inaugurato il 21 aprile 1940 alla presenza del ministro Alessandro Pavolini[1].

Nell'occasione l'edificio venne segnalato dalle cronache cittadine per lo stile "dignitoso, di chiaro sapore fiorentino" e per "l'aspetto grandioso, pur nelle linee semplici e moderne".

L'ampliamento Modifica
A seguito dello scoppio della guerra, e della mutata situazione politica, non si dette avvio alla costruzione del secondo lotto (palestra-cinema) e l'edificio mutò la propria destinazione d'uso.
Questo venne trasformato in nuova sede dell'Ufficio tecnico erariale a partire dal 1955 e sin da questa data si rese necessario ampliarlo per poter accogliere gli uffici del Centro meccanografico catastale e delle visure per il pubblico.[...]"
(Da Wikipedia)

sabato 24 giugno 2017

26 giugno - Conferenza sui vaccini

Il dott. Montanari risponde

sul tema vaccini

 

Lunedì 26 alle ore 21 (ma meglio essere lì mezz'ora prima), si svolgerà a Firenze il convegno per dare le risposte alle mille domande dei genitori sul tema vaccini.

 

Il dott. Stefano Montanari è Direttore scientifico del labotatorio Diagnostics di Modena in cui si svolgono ricerche e si offrono consulenze di altissimo livello sulle nanopatologie.
Docente in diversi master nazionali ed internazionali, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e da anni svolge un’intensa opera di divulgazione scientifica nel campo delle nanopatologie.

 

L'ingresso all'evento sarà di minimo 5 €, che saranno devoluti al laboratorio per le ricerche del dottore. Se non potrete essere presenti è comunque possibile contribuire effettuando una donazione su Postepay o con bonifico (vedi sotto).

Saranno presenti anche genitori con bambini danneggiati e sarà una buona occasione per confrontarsi su un tema così attuale.

 

Lunedì 26 Giugno ore 21

Teatro SanCat - Via del Mezzetta, 1

Firenze

venerdì 23 giugno 2017

7 Giugno - METTI UNA SERA AGLI #UFFIZILIVE: QUANDO L’ARTE COINVOLGE

Martedì 27 giugno 2017 LA COMPAGNIA SOSTA PALMIZI  nella “La Venere e il Vento” performance itinerante sul corporeo e l'incorporeo nelle icone femminili degli Uffizi.
Al secondo piano, con inizio dal Primo Corridoio, nei seguenti orari: 19:00-19:30, 19:45-20:15, 20:30-21:00.
Musica, danza, teatro, performance e tanto altro, ogni martedì a partire dalle 19.00
Apertura straordinaria degli Uffizi per martedì 27 giugno con orario 8.15-21.50

Nell’ambito di #UffiziLive, martedì 27 giugno si esibirà, a partire dalle h. 19.00 e per 6 riprese la Compagnia Sosta Palmizi che metterà in scena la performance
“La Venere e il vento”; un itinerario itinerante sul corporeo e l’incorporeo nelle icone femminili degli Uffizi.
Come ogni martedì sera estivo, per tutti i visitatori che saranno in Galleria, si ripete la magia di vedere il sole tramontare dietro le vetrate dei veroni che guardano verso Ponte Vecchio. Un’ora fantastica per fissare un indelebile ricordo della città e della sua più importante Galleria che addiziona, al fascino del suo orario insolito di apertura, un elemento ulteriore d’arte, attraverso gli spettacoli offerti dalla rassegna gratuita denominata #UffiziLive, giunta alla sua seconda edizione.

Architettura anni Trenta: zona Campo di Marte

Foto di Francesco Baciocchi



25 Giugno - Le Murate - Performance teatrale: SHAKESPEARE A COLAZIONE

DOMENICA 25 GIUGNO

    h 11:00 Performance teatrale

SHAKESPEARE A COLAZIONE

Con Manfredi Pinzauti, Arianna Dessì, Sofia Giunta, Carolina Guidazzi, Carolina Mesoraca, Francesca Miranceli, Gaia Zipoli, Paolo Martinenghi, Laura Quartara, Flavia Cori: Virginia Puccianti, Marco Bianchini, Francesco Barilli, Irene Giannotti.
Muische dal vivo: Simone Solazzo
Regia: Chiara Macinai

Bere un cappuccino ascoltando i segreti di Elsinore dalla viva voce di Amleto? Mangiare un cornetto alla crema con Lady Macbeth, o prendere un caffè con la famiglia Capuleti? Tutto questo diventa possibile con Shakespeare a Colazione, una commedia irriverente in cui i personaggi scespiriani si avvicendano tra i tavoli del caffè Letterario di Firenze per una matinée teatrale davvero speciale.
Gertrude, Rosalinda, Ofelia e altri celebri personaggi del teatro elisabettiano vi aspettano, tra fate e bisbetiche domate, dialoghi e sonetti. Gli attori si avvicendano portando sulla scena dialoghi e monologhi tratti da "Romeo e Giulietta", "La dodicesima notte", “Sogno di una notte di mezza estate" e altri classici: a fare da cornice, una sgangherata compagnia di girovaghi che intrattiene il pubblico con i Sonetti del Bardo e il servizio di una vera colazione, con tanto di cappuccino e brioche: amore, teatro, poesia e... un latte macchiato, grazie! La commedia si accompagna con musica dal vivo eseguita da un musicista professionista che suona strumenti a corda rinascimentali e antichi.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

24 giugno - Le Murate - NATURA: Spettacoli, danza, canto e mostra sul tema della natura e i suoi elementi

h 17:00 Evento

NATURA

A cura dell’Associazione Emozionote, presidente Chiara D’Andrea.
Spettacoli, danza, canto e mostra sul tema della natura e  i suoi elementi.

Qual è il rapporto che la società di oggi ha con la natura?  Questa è la domanda a cui lo spettacolo La natura tenta di rispondere. Un tempo era nostra madre, colei che ci nutriva e ci accudiva, le dedicavamo riti, canzoni e preghiere. Ci riunivamo intorno ai suoi alberi più antichi per portare omaggi e renderla partecipe del nostro operato e vissuto. Oggi la sua magia ai nostri occhi è quasi scomparsa, non ci soffermiamo più ad osservare la sua bellezza, a respirarla come parte della nostra vita. Questo spettacolo vuole ringraziare e celebrare la natura in tutte le sue forme e i suoi aspetti.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Piazzale Michelangelo (2004)

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Non introdurre l'asino in sala, che poi ti manderà fuori e della sala e della camera"

giovedì 22 giugno 2017

26 giugno - La nobilta' del sapere e l'insegnamento di Don Lorenzo Milani - Biblioteca ITI Leonardo da Vinci

Il 26 giugno del 1967 moriva Don Lorenzo Milani.
La Biblioteca celebra il 50esimo anniversario della morte, proponendo un incontro durante il
quale sara' analizzato il libro di Padre Balducci: 'L'insegnamento di Don Lorenzo
Milani'. 27 giugno, ore 15.00.
"Attraverso gli scritti di Ernesto Balducci su don Milani, che si snodano dal 1967 al 1992,
possiamo cogliere le affinità e le enormi differenze tra due dei maggiori testimoni e
interpreti del travaglio della Chiesa negli anni Sessanta. Due esperienze pastorali e pedagogiche
che hanno seguito itinerari esistenziali differenti, ma si sono servite dello stesso
linguaggio della fede. Ernesto Balducci (1922-1992) entra giovanissimo nell'ordine degli
Scolopi. Nel 1958 fonda la rivista "Testimonianze" e successivamente raccoglie
intorno a sé un folto gruppo di giovani nel "Cenacolo". Docente di storia e filosofia negli
istituti dell'Ordine dei padri Scolopi, nel 1963 affronta il processo che lo vede accusato della
difesa del primo obiettore di coscienza cattolico. A Firenze negli anni Cinquanta e
Sessanta opera a fianco di Giorgio La Pira e Lorenzo Milani."
L'iniziativa è rivolta agli allievi, ai docenti e anche al pubblico esterno della Biblioteca.
www.biblioteche.comune.fi.it/biblioteca_iti_leonardo_da_vinci