mercoledì 18 ottobre 2017

Raffaello, Ritratto di Leone X tra i cardinali Giulio de' Medici e Luigi de' Rossi, Gallerie degli Uffizi

“Fece in Roma un quadro di buona grandezza, nel quale ritrasse papa Leone, il cardinale Giulio de' Medici e il cardinale de' Rossi, nel quale si veggono non finte ma di rilievo tonde le figure: quivi è il veluto che ha il pelo, il domasco adosso a quel Papa che suona e lustra, le pelli della fodera morbide e vive, e gli ori e le sete contrafatti sì che non colori, ma oro e seta paiono; vi è un libro di cartapecora miniato, che più vivo si mostra che la vivacità, e un campanello d'argento lavorato, che non si può dire quanto è bello. Ma fra l'altre cose vi è una palla della seggiola brunita e d'oro, nella quale a guisa di specchio si ribattono, tanta è la sua chiarezza, i lumi de le finestre, le spalle del Papa et il rigirare delle stanze: e sono tutte queste cose condotte con tanta diligenza, che credasi pure e sicuramente che maestro nessuno di questo meglio non faccia né abbia a fare. La quale opera fu cagione che il Papa di premio grande lo rimunerò; e questo quadro si trova ancora in Fiorenza nella guardaroba del Duca”.
(Giorgio Vasari)
(Opera attualmente in restauro presso l'Opificio delle Pietre dure)

Antiche mura da Porta Romana

Foto di Roberto Di Ferdinando

martedì 17 ottobre 2017

17 ottobre - Conferenza “INDAGINI EXTRASENSORIALI”

MARTEDÌ 17 OTTOBRE ALLE ORE 21, presso
la sede fiorentina dell’Associazione Archeosofica, Lungarno Guicciardini,
11/r, inizia il ciclo di incontri dedicato alle “INDAGINI EXTRASENSORIALI”
con la conferenza dal titolo “LO SDOPPIAMENTO: ESPERIENZE FUORI DAL CORPO“.
Relatori: Luca Bari ed Elisa Burgio. INGRESSO LIBERO.

Per leggere un breve articolo di introduzione all’argomento segui il link
alla pagina del nostro sito
https://archeosofiafirenze.org/2017/10/14/17-ottobre-2017-sdoppiamento/

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/rosso
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net
http://archeosofiafirenze.org
SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

17 ottobre - L’ermetismo: maestri e protagonisti"

In occasione della presentazione del libro "L'ermetismo e Firenze" (Vol. I e Vol. II), a cura di Anna Dolfi, Firenze University Press, Firenze, 2016. Saluti di Luigi Dei (Rettore dell’Università di Firenze), Cristina Giachi (Vicesindaca del Comune di Firenze), Andrea Novelli (Presidente di Firenze University Press). Presiede Anna Dolfi. Intervengono Enza Biagini, Clelia Martignoni, Maria Carla Papini, Silvio Ramat. Il dibattito si tiene il 17 ottobre dalle 16 presso l'Aula Magna del Rettorato, piazza S. Marco, 4 Firenze.
https://www.unifi.it/art-2908-l-ermetismo-maestri-e-protagonisti.html

19 ottobre - Le Murate - LUOGHI E CRINALI DA RIPENSARE

GIOVEDI' 19 OTTOBRE


    h 18:30 Incontro
Laura Villoresi/ Rosa canina, Comunicazione rurale, in collaborazione con Associazione culturale La Nottola di Minerva

LUOGHI E CRINALI DA RIPENSARE

Laura Villoresi, giornalista, dialoga con Federico Pagliai, scrittore

Secondo appuntamento dedicato alla percezione e allo stato dei nostri paesi di montagna e alla narrativa che li racconta, sempre più protagonista del panorama letterario.L'incontro sarà incentrato sulla narrativa di montagna e sulla presentazione dell’ultimo libro di Federico Pagliai, Figlia della colpa, edito da Pendragon, con cui l'autore cambia genere:un noir. Sull’Appennino tosco-emiliano un’atroce guerra tra alcuni "resistenti" contro altri montanini al soldo dei nuovi padroni della montagna, i cinesi. Il Male dilaga senza freni in un'escalation di violenze, ripicche e stravolgimenti che sembra irreversibile. Ma forse non tutto è perduto...Federico Pagliai, al suo settimo libro, infermiere di professione ha scelto di non abbandonare la montagna pistoiese,  che delinea le linee e le curve dei crinali. Fra le pagine, l’autore restituisce voce alla sua gente, alle consuetudini e alla parola dei paesi.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

18 ottobre - Accademia delle Arti del Disegno - Solennità di San Luca Cerimonia di apertura dell’Anno Accademico - Proclamazione dei nuovi Accademici

MERCOLEDÌ 18 OTTOBRE 2017

Ore 11.00, Cappella degli Accademici del Disegno
“Cappella di San Luca”, Convento della Santissima Annunziata
Piazza della Santissima Annunziata, Firenze

Ore 15.30, Accademia delle Arti del Disegno
Sala delle Adunanze, Palazzo dei Beccai
Via Orsanmichele, n. 4, Firenze




Sin dalla sua fondazione, nel 1563, per volontà di Cosimo I de’ Medici, su sollecitazione di Giorgio Vasari e Vincenzo Borghini, l’Accademia delle Arti del Disegno celebra la solennità cristiana di San Luca, il Santo Evangelista Patrono delle Arti e degli Artisti, che costituisce la principale festa dell’Accademia.
Per tradizione, il 18 ottobre di ogni anno coincide con l’inizio dell’Anno Accademico, e per questa ricorrenza è consuetudine organizzare una cerimonia che si svolge nella Cappella degli Accademici del Disegno, nel chiostro del Convento della Santissima Annunziata, e che prosegue nel Palazzo dell’Arte dei Beccai, in via Orsanmichele, n.4, durante la quale vengono proclamati i nuovi Accademici.

San Luca è ricordato come il primo iconografo della Vergine, di San Pietro e San Paolo, ed è considerato il protettore degli artisti, in particolare dei pittori. Per questa ragione la “Cappella degli Accademici del Disegno”, detta anche “Cappella dei Pittori”, affrescata da Giorgio Vasari, Alessandro Allori, Luca Giordano, Santi di Tito e della quale, insieme alle opere d’arte ivi contenute, ha la titolarità l’Accademia delle Arti del Disegno, è dedicata al Santo.

Quando, all’inizio dell’Ottocento, l’altare fu collocato sotto l’affresco “San Luca che dipinge la Vergine” realizzato da Giorgio Vasari (1570 circa), il luogo assunse la denominazione di “Cappella di San Luca”. Dalla fine del Seicento l’Accademia utilizzò la cappella e il chiostro dell’Annunziata non solo come luogo di culto e di sepoltura, quindi con funzione di carattere religioso, celebrativo e commemorativo, ma anche come spazio espositivo, realizzandovi vere e proprie mostre di opere d’arte in occasione di San Luca e in altri momenti dell’anno.



Alle ore 11.00 del 18 ottobre 2017, Monsignore Marco Domenico Viola, priore mitrato della Basilica di San Lorenzo, presiederà la solenne celebrazione eucaristica nella Cappella di San Luca e, uniti nella memoria di tutti gli artisti che vi sono stati sepolti, da Pontormo a Benvenuto Cellini, durante la Messa saranno ricordati gli Accademici defunti nell’anno appena trascorso. La celebrazione sarà accompagnata dalle musiche sacre di Georg Friedrich Händel, Henry Purcell e Michelangelo Grancini, eseguite dall’Associazione Musicale Vocum Concentus.

Alle ore 12.45 nel 
Palazzo dell’Arte dei Beccai, in via Orsanmichele n.4, si terrà la riunione conviviale riservata agli Accademici, mentre dalle ore 15.30 la Sala delle Adunanze ospiterà la riunione plenaria annuale di tutto il collegio accademico di cui fanno parte importanti personalità della cultura e dell’arte, italiana e internazionale.

La cerimonia di apertura dell’Anno Accademico sarà introdotta dalla Prof.ssa Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del
 Disegno, proseguirà con la prolusione del Prof. Amerigo Restucci, già Rettore IUAV,
 dal titolo “Architettura e globalizzazione. Dove va lo “statuto” dell’architettura?”, vi sarà la commemorazione degli Accademici defunti e la proclamazione dei nuovi Accademici, con i saluti del nuovo Segretario Generale, il Prof. Giorgio Bonsanti, e del nuovo Tesoriere Economo, la Prof.ssa Irene Sanesi. La cerimonia terminerà con l’inaugurazione della mostra delle opere che i professori hanno donato all’Accademia e che vanno a incrementarne la collezione, coerentemente con i compiti che l’Accademia ha assunto nei secoli: la promozione dell’arte, la difesa del patrimonio artistico e l’organizzazione di una collezione d’arte che possa tramandare alla posterità le opere dei grandi maestri di tutte le epoche.

L’Accademia delle Arti del Disegno deve l’origine del suo nome alla volontà dei suoi fondatori che consideravano il “Disegno” padre e fondamento delle tre Arti, Architettura, Scultura e Pittura, che sono le tre classi storiche dell’Accademia a cui, successivamente, si sono aggiunte le classi di Discipline Umanistiche e Scientifiche e la Storia dell’Arte. In base allo Statuto dell’Accademia, gli Accademici sono divisi in Accademici d’Onore, che afferiscono all’intero istituto, Accademici Ordinari e Accademici Corrispondenti che afferiscono alle cinque classi in cui l’Accademia è suddivisa.


Gli Accademici d’Onore sono: Anna Balzani, Giorgio Bellini, Marco Biraghi, Jacqueline Biscontin, Adrien Brody, Francesco Carrassi, Maria Beatrice Coppi, Mauro Cozzi, Alberto Ferlenga, Emilio Giannelli, Elena Gurrieri, Mario Iozzo, Vicky Indelli, Peter Korneli, Benedetto Lipari, Giulio Manetti, Donato Massaro, Norberto Medardi, Lucia Meoni, Pier Luigi Nicolin, Giovanni Nistri, Claudio Paolini, Letizia Paradiso, Richard Rogers, Giandomenico Semeraro, Alessandra Scappini, Giampaolo Trotta, Wang Shuai, Mara Visonà, Franco Zeffirelli, Xiuzhong Zhang.

Per la Classe di Architettura, Accademico Emerito è Carlo Cresti, Accademico Ordinario è Andrea Branzi, Remo Buti da Accademico Ordinario diviene Accademico d’Onore, Aldo Loris Rossi, da Accademico Emerito diviene Accademico d’Onore.

Per la Classe di Scultura, Accademico Ordinario è Klaus Horstmann Czech; Accademici Corrispondenti sono Franco Berretti e Luca Calò. Onofrio Pepe da Accademico Ordinario diviene Accademico d’Onore e Jimenez Deredia da Accademico Corrispondente diviene Accademico d’Onore.

Per la Classe di Pittura, Accademico Ordinario è Daniele Lombardi; mentre Accademico Corrispondente è Jacopo Ginanneschi.

Per la Classe di Scienze e Discipline Umanistiche, Accademico Ordinario è Irene Sanesi; mentre Accademici Corrispondenti sono Pietro Greco e Luca Farulli.

Per la Classe di Storia dell’Arte, Accademici Emeriti sono Lucia Tongiorgi e Steffi Roettgen, Accademici Ordinari sono Alessandro Cecchi, Annamaria Giusti e Francesca Petrucci; Accademici Corrispondenti sono Alessandra Baroni, Magnolia Scudieri e Carlo Falciani.




PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

Accademia delle Arti del Disegno
Via Orsanmichele, 4, 50123, Firenze
Telefono: + 39 055 219642
Email: info@aadfi.it
www.aadfi.it

Conferenze “Unità del Sapere” 2017- 2018 Incontri per il pubblico dei musei fiorentini

“L’Altrove a Firenze. Testimonianze fra arte e scienza
Un nuovo ciclo di conferenze pomeridiane del ciclo dedicato all’Unità del Sapere e programmate insieme alla Facoltà di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze

Come di consueto, non esiste, da sei anni, mese di ottobre che non preveda la presentazione del nuovo ciclo di conferenze, pensate per coloro che desiderino conoscere meglio la storia di Firenze e ricevere spunti di riflessione e studio. Inaugura mercoledì 18 ottobre alle ore 17.00 presso il Teatro del Rondò di Bacco, con l’intervento di Roberto Mancini dal titolo “Appropriazioni. L'“altrove” a Firenze tra strategie cognitive e logiche di potere”, il nuovo ciclo di conferenze “L’Altrove a Firenze. Testimonianze fra arte e scienza” messo a punto dalle Gallerie degli Uffizi con la collaborazione del Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze.

Il ciclo di è incontri dedicato sia ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, che potranno farlo valere anche come corso di aggiornamento, sia all’ampio e affezionato pubblico dei musei fiorentini. Gli appuntamenti prevedono una serie di contributi intellettuali elaborati da studiosi di formazione sia umanistica che scientifica.

Per questo nuovo ciclo di incontri si è deciso un orario diverso da quello precedentemente proposto; incontrando il nostro pubblico alle ore 17 del mercoledì speriamo di semplificare la partecipazione per tutti.

In consonanza con il soggetto delle conferenze di quest’anno e nell’ambito della mostra attualmente presso la Galleria degli Uffizi “Rinascimento giapponese. Dipinti di natura sui paraventi dal XV al XVII secolo”, in collaborazione con l’Ambasciata giapponese di Roma, sono previste altre tre conferenze di cui la prima si terrà il giorno sabato 21 ottobre presso l’aula di San Pier Scheraggio alla Galleria degli Uffizi.

Oltre agli appuntamenti stabiliti dal calendario è prevista l’organizzazione di una serie di visite guidate collegate all’argomento, di cui sarà data comunicazione nel corso delle conferenze.

“La collaborazione con il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze, nell’offrire il ciclo di conferenze pubbliche, gratuite per tutti i partecipanti, conferma il ruolo centrale di ricerca e divulgazione proprio all’istituzione museale, mentre quella con l’Ambasciata del Giappone in Italia dimostra l’importanza dello scambio internazionale e interculturale all’interno della nostra società”, afferma Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi.


Informazioni su www.uffizi.it e presso il Dipartimento Educazione e Ricerca, Area Scuola e Giovani ≈ Tel 055 284272 – uffiziscuola@beniculturali.it

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi vuol l'uovo, deve soffrire lo schiamazzo della

Vedute dal Forte di Belvedere

Foto di Roberto Di Ferdinando


lunedì 16 ottobre 2017

Firenze....



"Firenze è una città per sposi; Venezia, per amanti; Torino, per i vecchi coniugi che non hanno più nulla da dirsi."
(Pitigrilli)